Articoli

Un nuovo e importante cambio di prospettiva è oggi rappresentato dall’utilizzo della cannabis terapeutica in alternativa ai farmaci standard comunemente utilizzati. Diverse ricerche hanno valutato e stanno ancora valutando l’uso del CBD (cannabidiolo) come modulatore delle nostre risposte neuronali allo stress. Studi recenti hanno dimostrato che, se assunto da solo, esso può ridurre l’ansia sia in individui sani che in individui inclini all’ansia. Questo cannabinoide agisce sui recettori della serotonina ed ha mostrato di favorire la neurogenesi ippocampale, così come gli SSRI. Al contrario del THC (sostanza presente nella marijuana illegale), il CBD non altera la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna o la temperatura corporea. Inoltre non altera le funzioni psicomotorie o psicologiche.
dal al
A cura di dott.ssa Mara D’Andrea e dott.ssa Mariangela Giustizieri Nel corso della vita capita a tutti di vivere delle giornate o di attraversare brevi periodi caratterizzati da stanchezza, tristezza o scoraggiamento. Questi periodi solitamente sono conseguenza di eventi più o meno stressanti, come la perdita di una persona cara, difficoltà economiche, un trasferimento, la […]
A cura della dott.ssa Angela Verardo Il Gioco d’Azzardo Patologico (GAP) definito anche genericamente Ludopatia è un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi non correlati a sostanze. È una vera e propria malattia, che rende incapaci di resistere all’impulso di giocare, nonostante la persona che ne è affetta sia consapevole che questo possa portare a gravi […]