COVID-19: come gestire Ansia e Preoccupazione

A cura della dott.ssa Angela Verardo

Tutto ciò che non conosciamo, che valutiamo come imprevedibile e fuori dal nostro diretto controllo, fa paura e l’infezione da Covid-19 racchiude in sé tutte queste caratteristiche.

Quando una persona comincia a temere per la propria salute è normale che inizi anche a preoccuparsi di molti aspetti legati al concetto stesso di malattia. Ad esempio, tutti quei soggetti risultati positivi al coronavirus ma in condizioni tali da non necessitare il ricovero, possono preoccuparsi riguardo i sintomi che provano chiedendosi se “stanno peggiorando”, “migliorando” “come sto oggi rispetto a ieri?”.

Ci sono anche tutte quelle persone non positive che sono semplicemente in preda all’ansia e avvertono tutti i sintomi che identificano il virus interpretando tutte le sensazioni provate come segni della certezza di averlo contratto. Tutto questo porta a immaginare i peggiori scenari possibili causando grande sofferenza sia fisica che psicologica.

Quando una persona è preoccupata per qualcosa è normale che sia anche in ansia. I due stati d’animo vanno di pari passo: più si è preoccupati e più si è in ansia. I sintomi fisici che ci fanno capire che siamo in ansia sono: avere il fiato corto, il battito cardiaco accelerato, il senso di confusione, la sudorazione, il tremore, avere lo stomaco chiuso, un nodo alla gola, la nausea, vivere uno stato di tensione generale fino a provare anche dolori articolari, mal di testa o formicolii e sensazione di punture di spilli a mani e piedi. Questi sintomi anche se fanno paura sono innocui, non sono un pericolo per la nostra salute anche se ci sentiamo fisicamente molto male.

Tuttavia, è normale avere paura e provare ansia di fronte al pericolo caratterizzato dall’infezione da Covid19. In questo momento tali emozioni vanno considerate come delle preziose alleate che ci portano a mettere in atto tutte le difese e i comportamenti necessari per superare questo momento difficile. Per avere però una reazione di ansia e paura razionale tale da non farci incorrere in deliri disfunzionali è fondamentale avere informazioni chiare e corrette. Occorre ascoltare solo le informazioni che giungono da fonti attendibili quali l’OMS e il Ministero della Salute e affidarci a professionisti seri che siano in grado di fornire dati scientifici affidabili.

Visto che l’infezione da coronavirus è un pericolo reale cosi come la paura che genera, cosa possiamo fare per vivere al meglio?

  1. Seguite i consigli degli esperti, che invitano a lavarsi spesso le mani e a coprire bocca e naso se starnutite o tossite.
  2.  Qualunque infezione si combatte meglio se si rimane in salute psico-fisica. Fate attività fisica regolare, seguite una dieta varia ed equilibrata, curate il sonno affinché sia regolare e riposante.
  3. Quando siete a casa in situazione di sicurezza, imparate a non riversarvi sul web alla continua ricerca di informazioni ma provate a fare attività piacevoli che possano rilassarvi e distrarvi.
  4. Accettate la paura e l’ansia come reazioni emotive normali e coerenti, provate a confrontarvi con altre persone, tutte non solo quelle molto ansiose, per valutare se la vostra ansia sia ragionevole. Se non fosse così chiedete aiuto al vostro medico.
  5. Non assumete da soli ansiolitici o antidepressivi ma consultate sempre uno specialista.