Un nuovo e importante cambio di prospettiva è oggi rappresentato dall’utilizzo della cannabis terapeutica in alternativa ai farmaci standard comunemente utilizzati. Diverse ricerche hanno valutato e stanno ancora valutando l’uso del CBD (cannabidiolo) come modulatore delle nostre risposte neuronali allo stress. Studi recenti hanno dimostrato che, se assunto da solo, esso può ridurre l’ansia sia in individui sani che in individui inclini all’ansia. Questo cannabinoide agisce sui recettori della serotonina ed ha mostrato di favorire la neurogenesi ippocampale, così come gli SSRI. Al contrario del THC (sostanza presente nella marijuana illegale), il CBD non altera la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna o la temperatura corporea. Inoltre non altera le funzioni psicomotorie o psicologiche.
Il protocollo MBSR di J. Kabat Zinn per la riduzione dello stress Il termine mindfulness è la versione inglese della parola sati dell’antica lingua pali delle scritture buddhiste, che potrebbe essere tradotta con attenzione consapevole, meditazione di consapevolezza, o più brevemente nell’uso corrente «consapevolezza». In tempi relativamente recenti, le pratiche contemplative orientali hanno avuto una […]
Come migliorare il proprio peso e mantenere il peso perso. Numerose ricerche dimostrano le conseguenze fisiche e psichiche dovute al sovrappeso e all’obesità ma anche ad una irregolare alimentazione. Le diete dimagranti risultano spesso faticose e offrono risultati solo a breve termine. E’ stato dimostrato, infatti, che dopo ogni dieta la maggior parte delle persone […]
L’ansia è una emozione che può costringere chi ne soffre ad evitare situazioni e contesti della vita quotidiana percepiti come pericolosi in quanto rappresentano la possibilità di avere un attacco di panico, di sentirsi male o di fare brutte figure. Il laboratorio Guarire dall’Ansia e dagli Attacchi di Panico offre uno spazio dove è possibile […]